Blog
Uno staff di lavoro sempre orientato al cliente, per offrire le migliori soluzioni per i diversi sistemi di visione artificiale.

VISION DEVICE si avvale del prezioso contributo di un team di collaboratori, tutti altamente specializzati sul know-how applicativo e dello sviluppo software, nelle diverse aree e discipline. Questo permette all’azienda di seguire i diversi clienti attentamente, in modo da riuscire a fornire la massima qualità nel proprio lavoro per le diverse soluzioni sui sistemi di visione artificiale.

Cos'è il coding e perché è importante per il futuro delle aziende

Coding

In un mondo in cui quasi tutto funziona attraverso dispositivi meccanici e dove spesso si utilizzano gli stessi, quali i computer, a volte in modo irresponsabile e passivamente, il coding diviene esercizio per apprendere come gestire questi strumenti.

Imparare coding significa apprendere un processo mentale che ci abitui a pensare in modo diverso, cioè per algoritmi, in modo pragmatico volto alla soluzione dei problemi.

Che cos’è il coding: definizione e contenuti

Il termine coding implica semplicemente una "programmazione informatica". Consiste nello spiegare al computer cosa fare attraverso l’utilizzo di parole e numeri (algoritmi) che, ordinati nella corretta sequenza, gli impartiscono degli ordini.

Oltre a questo, il coding si può definire una metodologia di approccio alle problematiche inerenti la costruzione di un prodotto finale, sia esso un sito web, un’immagine, un gioco, o un video.

Imparare a parlare con il computer, ragionare in termini logici per dargli le giuste chiavi al fine di ottenere ciò che vogliamo da lui, è alla base del coding.

In effetti potrebbe essere definito come una vera e propria lingua da studiare, alla pari di quelle attualmente conosciute, che invece di aiutarci a comunicare con altri esseri umani ci insegna a comunicare con le macchine, siano esse computer o elettrodomestici, tablet o videogames.

Utilizzare questa metodologia di trasmissione, sempre più necessaria in un mondo che volge ad un futuro orientato all’uso della tecnologia, sarà elemento indispensabile per le generazioni future.

Esso infatti non è pensato solo per formare futuri programmatori ma specialmente per forgiare dall’infanzia delle persone che siano in grado di interagire con le macchine messe a disposizione dalla scienza, tutto ciò per aiutare l’umanità e se stessi.

Questo è molto utile, al di là della capacità di addestrarsi a dettare comandi attraverso codici universali, all’educazione del pensiero nell’affrontare le problematiche che la vita riserva ad ognuno di noi. Imparare ad usare un linguaggio programmatico significa imparare a razionalizzare qualsiasi problematica e ad affrontarla in maniera lucida e risolutiva.

Il pensiero computazionale: ragioniamo per algoritmi

Per pensiero computazionale si intende l’insegnamento di una metodologia di ragionamento atto alla soluzione dei problemi attraverso l’acquisizione di strumenti specifici. Ritenuto sempre più necessario come criterio di apprendimento da inserire all’interno delle scuole per preparare i ragazzi ad una società in continua evoluzione, non è altro che l’educazione della mente alla pianificazione di una strategia attraverso il ragionamento per fasi.

Si potrebbe paragonare all’approccio che si ha in un videogioco, dove per chiudere il percorso si devono superare livelli di difficoltà sempre crescenti. L’educazione alla logica da seguire fa quindi smontare il problema che si va ad affrontare in piccoli segmenti, questi, una volta uniti, danno il risultato complessivo.

Il pensiero computazionale quindi rappresenta un concetto, un modo di pensare logico ma anche creativo. Impartendo degli ordini allo strumento si crea un percorso mentale che il computer non può che accettare in quanto mero esecutore di regole impartite.

Dove imparare il coding: facilità di accesso

Non è difficile comprendere che come tutti gli aspetti della vita, per poter acquisire gli strumenti necessari al proprio apprendimento è necessario imparare come procedere. Questo vale sia per le materie tradizionali insegnate nella scuola che, naturalmente per il coding come opportunità di accedere all’universo della programmazione e di conseguenza ad un linguaggio universale.

Sempre maggiormente osservato e studiato al fine del suo inserimento all’interno delle scuole, da quelle della prima infanzia a quelle delle scuola secondaria ma solo in alcune grandi città nel nostro paese come Milano, Torino, Cosenza e Roma, il coding viene proposto da associazioni, enti, istituti preposti, ma specialmente attraverso internet.

L’obiettivo è quello di insegnare, per mezzo della creazione di un gioco, una storia, un sito, a disporre la mente alla programmazione, servendosi di un processo che prevede una successione di blocchi da superare.

Facile trovare orientamento di chi effettua questi corsi sul web, come lo è altrettanto essere consigliati sulla tipologia di insegnamento di cui si ha bisogno, sia che si tratti di un ragazzo, di un docente che voglia introdurre la programmazione e il pensiero computazionale all’interno della propria classe, come di un semplice privato.

Aderire a questa metodologia è molto facile. Il web ci consente infatti di entrare in contatto con tutti quei canali in cui i corsi di coding sono previsti, attraverso lezioni impartite da specialisti del settore.

Come imparare il coding: opportunità di apprendimento

Ci sono tutta una serie di possibilità per imparare a programmare in maniera semplice. Le risorse più utilizzate sono quelle che ci vengono fornite gratuitamente, come si diceva, dai siti internet che ci consentono di accostarci in base all’età a questa scienza.

Di facile utilizzo, la robotica educativa, quale metodo che permette ai ragazzi, bambini ed adulti di apprendere attraverso l’uso dei robot ed il coding, si servono di piattaforme che favoriscono in modo semplice e divertente la conoscenza.

La robotica educativa per di più consente di migliorare il proprio apprendimento attraverso l’impiego della logica e razionalizzazione del pensiero (pensiero computazionale), favorendo inoltre la possibilità di creare un robot partendo da zero, obiettivo riscontrabile anche nel coding.

Da non dimenticare le app presenti sui tablet o telefonini, anche loro strumenti idonei all’apprendimento della programmazione partendo da zero grazie anche ad un animatore digitale.

Come funziona code.org: un metodo semplice

Il sito code.org consente a tutti coloro che desiderano imparare a programmare, bambini, insegnanti o privati, la possibilità di accedere a questo mondo anche non avendone cognizione di causa.

Presentato in maniera estremamente fruibile, attraverso istruzioni, video informativi, indicherà il miglior percorso da intraprendere per arrivare a programmare ciò che si intende realizzare.

"L'Ora del Codice" è la modalità base che ci si troverà ad affrontare nel momento dell’accesso al sito. Attraverso questo sistema si potrà avere, in solo un’ora di tempo impiegato, la possibilità di entrare in contatto con i primi rudimenti del pensiero computazionale ed inoltre usufruire di lezioni tecnologiche scegliendo l’ambientazione che più si desidera, sia sta parlando di ricostruzioni sceniche accattivanti quali Star Words, Frozen od altre.

Code.org consentirà inoltre, nel caso un insegnante volesse avviare la propria classe allo studio della programmazione, di dare vita all’interno della piattaforma ad una classe virtuale in cui gli studenti iscritti potranno essere monitorati. Per i ragazzi più grandi è presente l’opportunità di creare applicazioni utilizzando la programmazione a blocchi.

Quest’ultima, dando l'opportunità di realizzare giochi, storie interattive, animazioni e persino un robot, utilizza un metodo che permette di creare tutto ciò di cui prima enunciato, senza il bisogno di scrivere nessun codice. Per spostare blocchi o elementi grafici sarà sufficiente impartire un comando ad ognuno di essi. In questo modo, si procederà allo sviluppo di un processo di assembramento intelligente finalizzato alla creazione del progetto.

Conclusioni: perché è importante per le aziende

Essere al passo con i tempi per un’azienda come la nostra che si occupa di visione artificiale, è indispensabile per la crescita e la stabilità sul mercato. Un sondaggio di Code.org ha rilevato che la ricerca di programmatori che oltre a conoscere i sistemi tradizionali, sappiano approcciare alle nuove tecniche, sarà incrementata esponenzialmente negli anni a venire.

L’utilizzo di robot, concetto che rispondeva fino a qualche anno fa ad un immaginario, oggi è realtà. L’impiego di queste macchine in numerosi settori dello scibile umano, dalla medicina all’industria 4.0, dall’ambito domestico alle ricerche scientifiche, faciliterà e sosterrà la vita dell’uomo che sarà sempre più concentrato nello studio e realizzazione di nuovi traguardi da raggiungere nella conoscenza.